Dal 14 febbraio in distribuzione i contenitori per la differenziata porta a porta in tutta la città

Partirà il 14 febbraio la distribuzione dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, che dovranno essere utilizzati dal prossimo mese di aprile per la raccolta porta a porta in tutta la città.

Simbolicamente il via ufficiale è stato dato con la consegna da parte dell’amministratore unico della Sanb SpA, avv. Nicola Roberto Toscano, del primo kit al sindaco di Bitonto, dott. Michele Abbaticchio.
La consegna ha concluso la conferenza stampa, convocata dal Comune e dalla società, che ha la gestione unitaria del servizio di igiene urbana nei territori di Bitonto, Corato, Molfetta, Terlizzi e Ruvo di Puglia, per illustrare l’articolato piano per la distribuzione dei kit (contenitori, sacchetti e materiale informativo) e le modalità operative del sistema di raccolta differenziata porta a porta, esteso, come detto, a partire da aprile 2022 in tutte le zone della città (attualmente il porta a porta è attivo solo nel centro storico e nelle due frazioni).

Aprendo l’incontro con i giornalisti, il Sindaco ha dichiarato che “questo momento importante giunge al termine di un lungo periodo preparatorio, durante il quale si sono dovuti superare problemi burocratici e normativi. Si tratta di una svolta epocale: con l’estensione del sistema di raccolta porta a porta in tutte le zone del territorio comunale la città, liberata dai cassonetti, potrà essere più bella e più pulita, oltre che più agibile, visto che si potranno recuperare molti spazi stradali per destinarli a parcheggi”.
“Adesso – ha proseguito Abbaticchio – sta a noi cittadini essere conseguenziali e agire responsabilmente. Inizialmente potranno esserci problemi, come avviene in tutte le città che avviano questo percorso virtuoso, ma per superarli la differenza la faranno la civiltà e la collaborazione di tutti i cittadini. Sarà fondamentale, quindi, una buona comunicazione tra cittadini e Sanb, in modo da alimentare un proficuo scambio di idee, suggerimenti e segnalazioni.  Indubbiamente partire in ritardo rispetto alle altre realtà gestite da Sanb ci ha consentito di apportare miglioramenti tecnico-operativi al piano, suggeriti proprio dalle criticità registrate nei centri già serviti dalla raccolta porta a porta”.
Sottolineando il coraggio della scelta di avviare la differenziata porta a porta in un momento delicato, perché alla vigilia della campagna elettorale per le amministrative, Abbaticchio ha, quindi, ringraziato per il proficuo lavoro svolto la Sanb, gli uffici comunali coinvolti (il Servizio per i lavori pubblici, diretto dall’ing. Paolo Dellorusso, a cui fa capo l’unità operativa Ambiente e Gestione integrata dei rifiuti, rappresentata in conferenza dalla responsabile dott.ssa Sofia Deastis) e il suo consigliere politico per l’ambiente, dott. Domenico Incantalupo.

“Questo odierno – ha commentato Deastis – è un punto di partenza. Sanb e Comune passano il testimone ai cittadini: dal mese di aprile, infatti, il fattore più importante per il successo della raccolta differenziata sarà l’attività di noi cittadini, chiamati a imparare a farla correttamente. Una continua, completa ed esauriente comunicazione sarà, pertanto, decisiva per il buon esito della raccolta porta a porta, dalla quale è lecito attendersi, tra gli altri vantaggi, anche una maggiore sensibilità e consapevolezza dei cittadini per le problematiche ambientali”.

Di consapevolezza e coscienza ha parlato anche l’amministratore unico della Sanb.
“La raccolta differenziata porta a porta – ha spiegato Toscano – non deve essere vista solo come uno sterile dovere normativo ed etico, ma deve coinvolgere la nostra coscienza e, quindi, la consapevolezza che rappresenta anche un’opportunità per il nostro ambiente nell’interesse delle future generazioni. Il cittadino diventa, così, il primo tassello di una filiera virtuosa, che punta alla riduzione dei rifiuti, soprattutto di tutto quello che va a finire in discarica e comporta alti costi economici e ambientali”.
“Nei primi tempi – ha aggiunto l’amministratore unico della Sanb – potranno verificarsi dei disagi, ma noi siamo aperti e pronti a intervenire sulle criticità che emergeranno e sulle segnalazioni che ci arriveranno. La prospettiva è quella di ottenere a regime un significativo ritorno economico, di cui potranno beneficiare anche i cittadini con il passaggio alla tariffazione puntuale (ognuno paga solo per i rifiuti che produce), modalità per la quale i materiali in distribuzione sono già predisposti”.
È stata quindi annunciata la definizione nelle scorse ore di ben cinque progetti con i quali la Sanb punta, grazie ad altrettanti milioni del PNRR, a potenziare in tutti i Comuni serviti la rete di isole ecologiche e centri di raccolta. “A Bitonto – ha precisato Toscano – sono previste ben sette nuove isole ecologiche. Andranno ad aggiungersi ai due centri comunali di raccolta, uno nella zona artigianale e uno a Mariotto, che saranno pronti e operativi in tempo utile per l’avvio della raccolta porta a porta in aprile”.
I ringraziamenti dell’Amministratore unico, che ha riferito di avvertire un clima positivo e di sperare che possa mantenersi nei prossimi mesi, sono andati al direttore generale, ing. Salvatore Mastrorillo (assente alla conferenza perché alle prese con gli ultimi dettagli per i progetti candidati al PNRR), all’Amministrazione comunale e al sindaco Abbaticchio (per la piena fiducia accordata), alla responsabile dell’unità operativa Ambiente e Gestione integrata dei rifiuti (positiva e propositiva spina nel fianco), al consigliere politico del Sindaco (preziosa interfaccia tra Amministrazione comunale e Sanb).

La distribuzione dei kit sarà effettuata per zone, interessando anche centro storico e frazioni, in quanto i nuovi contenitori andranno a sostituire quelli attualmente in uso, ed è riservata ai cittadini che risultano contribuenti per la tassa rifiuti (TARI). Per questo all’atto della consegna a domicilio sarà necessario mostrare la tessera sanitaria dell’intestatario dell’utenza Tari o la ricevuta dell’ultimo pagamento effettuato.
Il materiale informativo è differenziato per le quattro zone, in cui è stato suddiviso l’intero territorio comunale, che avranno anche orari differenziati per l’esposizione dei rifiuti.

La campagna di comunicazione e informazione predisposta da Sanb e Comune ha in calendario vari momenti dedicati, che andranno ad affiancare le attività di distribuzione: dal 20 febbraio cinque piazze cittadine saranno presidiate da gazebo informativi animati da associazioni attive su tematiche ambientali; nel mese di marzo si svolgeranno, poi, una serie di incontri con il coinvolgimento di specifiche categorie di utenti, che culmineranno nell’appuntamento pubblico del 23 febbraio al Teatro Traetta con la partecipazione di Mario Tozzi, ricercatore del Cnr, noto divulgatore scientifico, autore e conduttore televisivo.

Per le utenze commerciali, infine, la distribuzione dei contenitori sarà personalizzata in funzione delle caratteristiche delle attività e delle necessità che saranno evidenziate dai titolari, preventivamente consultati dagli operatori della Sanb.

Vai ad inizio pagina