Intervento dell’assessore Nacci sull’esenzione dalla TARI per le aree adibite alla pratica sportiva

L’esclusione dalla tassazione TARI per le aree, esterne o interne, adibite ad attività ginnica o sportiva è prevista dalla legge nazionale e non è frutto di una scelta amministrativa.

A chiarirlo è l’assessore al bilancio, Domenico Nacci, che ricorda come in base all’articolo 1, comma 641, della legge n. 147/2013, con la quale è stata istituita l’Imposta Unica Comunale di cui la tassa rifiuti è una componente, “il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono escluse dalla TARI le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva”.

“In soldoni – spiega Nacci – parliamo di esclusione ex lege, in quanto le aree, esterne o interne che siano, adibite ad attività sportiva sono escluse per loro natura dall’assoggettabilità a tassazione; questo non comporta una scelta amministrativa, ma la semplice applicazione della norma vigente. Non vi è, dunque, nessuna minore entrata, perché su quel tipo di area nessuna tassazione è richiedibile e pertanto è falso affermare che si avrà necessità di recuperare fantomatiche somme, aumentando la tassazione a carico degli altri contribuenti”.

“Dall’applicazione della legge nazionale – aggiunge l’assessore al bilancio – consegue la necessità per l’Ente locale di non assoggettare alla tassa rifiuti i locali e le aree dove, secondo la comune esperienza, e fino a prova contraria, non si producono rifiuti urbani per la loro natura ovvero per il particolare uso cui sono stabilmente destinati, precisando, nel caso degli impianti sportivi e delle palestre, che l’esenzione viene riconosciuta solo alle superfici riservate alla pratica sportiva o ginnica e restano imponibili le superfici destinate ad usi diversi, quali spogliatoi, servizi igienici, uffici, biglietterie, punti di ristoro e aree destinate al pubblico”.

“In questa vicenda – conclude Nacci – dispiace constatare che tanta disinformazione sia alimentata da movimenti politici nelle cui fila militano professionisti della legge, che pure possono vantare una vasta esperienza in materia tributaria”.

Vai ad inizio pagina