Sulla facciata di Palazzo Gentile il nome di Anna Rosa Tarantino. Bitonto non dimentica la sua vittima di mafia

Anna Rosa Tarantino, Bitonto non dimentica.

Con uno striscione esposto sulla facciata della sede municipale (Palazzo Gentile) l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Michele Abbaticchio celebra la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, ricordando a tutti il nome e la figura di Anna Rosa Tarantino, l’anziana signora uccisa senza colpe nel centro antico della città durante uno scontro a fuoco tra clan malavitosi rivali la mattina del 30 dicembre 2017.

“Ricordare il nome di Anna Rosa – scrive oggi Abbaticchiocome quello delle altre 1.030 persone che ad oggi hanno perso la vita per mano delle organizzazioni criminali è una precisa scelta di civiltà, che cittadini e Istituzioni devono anche alle altre centinaia di migliaia di parenti, amici, giovani, bambini ai quali è stato tolto il diritto a una felicità compiuta. Non si troverà, infatti, mai pace nella propria vita se una persona che ami viene strappata via per interessi, malaffare, violenza”.

“Istituendo nel 2017 la Giornata nazionale per la memoria e per l’impegno contro tutte le mafie, lo Stato italiano – sottolinea il sindaco di Bitonto – ha finalmente riconosciuto l’alto valore civile della lotta a tutte le mafie, facendo coincidere l’inizio della primavera, il 21 marzo, con un collettivo tributo ai tanti che hanno versato il proprio sangue, onorando con l’esempio personale il nostro Paese”.

Abbaticchio, quindi, lancia un appello a tutti i bitontini: “Vi chiedo di ricordare ai vostri figli ed ai vostri amici cosa è accaduto e cosa potrebbe ancora accadere, perché la memoria deve alimentare il nostro quotidiano ed incondizionato impegno contro l’illegalità, la violenza e la sopraffazione, in qualunque modo e luogo si manifestino”.

Vai ad inizio pagina