Dal 4 al 17 maggio, con la fase 2 dell’emergenza Covid-19, zona pedonale oraria sperimentale in tre tratti di strade centrali

Dal 4 al 17 maggio, in concomitanza con il periodo di validità delle nuove disposizioni stabilite dal dpcm 26 aprile 2020 per le graduali riaperture nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus, l’Amministrazione comunale di Bitonto sperimenterà una zona pedonale oraria in tre tratti di alcune delle principali strade del centro urbano: via Ammiraglio Vacca, via Matteotti e via della Repubblica Italiana.

Il sindaco Michele Abbaticchio, nell’ordinanza (n. 160/2020) con la quale ha dato il via libera alla sperimentazione, spiega che il provvedimento si rende necessario per contemperare le esigenze di mobilità dei residenti con quelle dei “numerosi cittadini che, per l’approvvigionamento di derrate alimentari e non, stazionano al di fuori degli esercizi commerciali, in modo particolare sulle arterie principali del territorio, invase da veicoli e persone, tanto da rendere difficile l’obbligo della distanza sociale e dell’evitare assembramenti”.

La zona pedonale con contestuale divieto di circolazione e sosta con rimozione comprenderà il tratto di via Ammiraglio Vacca compreso tra via Giuseppe Mazzini e piazza Canonico della Noce, la porzione di via Giacomo Matteotti compresa tra via mons. Luigi Bovio e via Logroscino, il tratto di via della Repubblica Italiana che va da via Verdi a via Giuseppe Garibaldi (mappa dettagliata in allegato). Saranno, comunque, garantiti gli attraversamenti tra via mons. Luigi Bovio e via Alessandro Manzoni, tra via Pasquale Martucci Zecca e via Cioffrese, via Laudisi e via Anita Garibaldi.
Ai residenti titolari di passo carrabile sui tratti interessati ai divieti saranno consentite le manovre di entrata e uscita con i veicoli di proprietà. Nelle tre zone chiuse al traffico veicolare potranno transitare solo gli autobus delle linee urbana ed extraurbana.
Come detto, il divieto di circolazione e sosta sarà in vigore per fasce orarie: dalle 10 alle 12.30 al mattino, dalle 16 alle 19 al pomeriggio.
La Polizia locale potrà sospendere il divieto in caso di maltempo o per ragioni di ordine e sicurezza pubblica.

Vai ad inizio pagina