Il progetto sociale “Ristoacasa” ispira “Appristoacasa”, piattaforma tecnologica per prenotare menù e prodotti dai pub e ristoranti chiusi per il Covid-19

Dal progetto di solidarietà alimentare “Ristoacasa” nasce “Appristoacasa”, soluzione tecnologica che si prefigge lo scopo di facilitare la vita a consumatori costretti a casa e ristoratori e pubblici esercizi costretti alla chiusura dall’emergenza Coronavirus.

L’idea della Be20, società bitontina di consulenza in ambito software engineering, prende, infatti, ispirazione dall’iniziativa sociale lanciata nei giorni scorsi dal Comune di Bitonto per la creazione di una rete di ristoratori e pubblici esercizi locali, che provvederanno ogni giorno a preparare e portare pasti caldi (primo, secondo con contorno, frutta e acqua) a casa di cittadini, utenti dei servizi sociali comunali, individuati, principalmente, tra anziani, disabili e adulti non autosufficienti e/o soli, fruitori dei servizi di assistenza domiciliare ADI e SAD, che attualmente sono sospesi proprio a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il progetto messo a punto dalla Be20 e presentato all’assessore al Marketing territoriale, Rino Mangini, che ne ha apprezzato spirito ed impianto, comprende una webapp responsive, fruibile da pc, smartphone e tablet, e un’app per sistemi operativi mobile Android e iOS.
L’app renderà disponibile una vetrina visuale di ristoratori e pubblici esercizi, a partire da quelli che, rispondendo all’avviso comunale di solidarietà alimentare, aderiscono alla rete del progetto “Ristoacasa”.
La registrazione all’app può avvenire in due modalità distinte: “esercente” e “acquirente”.
Gli esercenti potranno utilizzare l’app come strumento di gestione online per l’attività di prenotazione e consegna a domicilio: un apposito pannello di controllo consentirà l’inserimento di menù e prodotti rivendibili al pubblico in modalità “a domicilio”, in linea con le prassi e le raccomandazioni stabilite da Governo e autorità sanitarie a tutela della salute pubblica per il contrasto alla diffusione del Covid-19. Una volta creata la propria vetrina, ogni esercente potrà ricevere prenotazioni online.
I cittadini, registrandosi alla piattaforma in modalità “acquirente”, avranno a disposizione funzioni per la ricerca su mappa di attività commerciali, menù e prodotti, e per la prenotazione dei pasti e dei prodotti, con la possibilità di essere costantemente aggiornato sullo stato dell’ordine.
Il servizio di booking e food delivery sarà fruibile gratuitamente all’indirizzo web www.appristoacasa.it, mentre l’app mobile sarà scaricabile direttamente da Google Play e App Store.

 

“L’app progettata dalla Be20 e messa gratuitamente a disposizione della città – commentano il sindaco Michele Abbaticchio e l’assessore Rino Manginiè un bell’esempio di solidarietà tecnologica a beneficio di tutta la comunità. L’annunciata realizzazione anche di un’app gemella dedicata al commercio al dettaglio, con la quale tutti i negozi potranno gestire in maniera smart le vendite a domicilio, dei propri prodotti, rende l’iniziativa degna del nostro incondizionato sostegno morale e un importante elemento di supporto alle attività commerciali cittadine, vittime di questa emergenza sanitaria ed economica”.

Vai ad inizio pagina