Sciopero generale proclamato dall’USB il 10 maggio: i servizi minimi essenziali garantiti dal Comune

L’associazione sindacale USB P.I. (Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego) ha proclamato per l’intera giornata di venerdì 10 maggio uno sciopero generale, che a livello nazionale interesserà i dipendenti pubblici di tutti i comparti del Pubblico Impiego, compresi i lavoratori della scuola, i vigili del fuoco e i lavoratori precari di qualsiasi tipologia contrattuale.

Questi i servizi minimi essenziali che, come prevede la normativa in materia di scioperi, saranno garantiti in ogni caso dal Comune: servizio di stato civile (per la registrazione delle nascite e delle morti), servizio elettorale (per gli adempimenti di legge previsti per le elezioni europee); servizio cimiteriale (per il trasporto e il ricevimento all’inumazione e tumulazione delle salme), servizio di polizia municipale (per attività di sicurezza pubblica, pronto intervento per incidenti ed eccezionali situazioni di emergenza, nonché per attività richiesta dall’autorità giudiziaria e reperibilità per interventi in caso di trattamenti sanitari obbligatori, attività della centrale operativa, vigilanza della sede municipale), servizio di protezione civile (presidio con personale in reperibilità), servizio sociale (limitatamente all’assistenza domiciliare agli anziani e al ricovero di minori richiesto dall’autorità giudiziaria), servizio lavori pubblici (per rilascio di certificati con diritto d’urgenza per partecipare a gare d’appalto), servizio della contabilità del personale (per eventuali scadenze di termini di legge in materia di stipendi, assegni e contributi previdenziali).

Vai ad inizio pagina